12alle12

di: 12alle12

Home / Dal resto del mondo / AMSTERDAM. Cnh: Marchionne, “risultati 2016 in linea o migliori obiettivi”

AMSTERDAM. Cnh: Marchionne, “risultati 2016 in linea o migliori obiettivi”

Marchionne Sergio
Marchionne Sergio

“Nel 2016 la situazione non è sempre stata facile per le macchine agricole. Ma i risultati sono stati in linea o migliori rispetto agli obiettivi finanziari che ci eravamo dati”. Il presidente di Cnh Industrial, Sergio Marchionne, ha aperto così ad Amsterdam, in Olanda, l’assemblea dei soci per l’approvazione del bilancio 2016. 

“Abbiamo sperimentato diverse condizioni, non sempre facili sui vari mercati in cui è attivo il gruppo, soprattutto per quanto riguarda le macchine agricole – ha spiegato Marchionne -, ma siamo riusciti a compensare con veicoli commerciali e powertrain”.

Cnh Industrial ha chiuso il 2016, ha ricordato Marchionne, con ricavi pari a 24,9 miliardi di dollari (-4%), utile netto adjusted di 482 milioni di dollari, perdita netta di 249 milioni di dollari a fronte di un utile di 248 milioni nel 2015.

L’indebitamento netto industriale è stato pari a 1,6 miliardi di dollari, inferiore di 1,1 miliardi di dollari rispetto al 30 settembre 2016 e stabile rispetto al 31 dicembre 2015.

Marchionne ha proposto all’assemblea la distribuzione di un dividendo di 0,11 euro per azione ordinaria, pari a circa 150 milioni di euro (circa 160 milioni di dollari).

La convocazione delle assemblee dei soci di Cnh Industrial, Fca e Ferrari il venerdì di Pasqua “è stata una svista”. Così il presidente di Cnh Industrial, Sergio Marchionne, ha risposto ad una azionista che nel complimentarsi per i risultati ottenuti si è però lamentata della convocazione nel ponte di Pasqua. “Il Venerdì Santo – ha detto l’azionista – è vacanza qui in Olanda…”.

Gli effetti della Brexit su Cnh Industrial saranno “molto contenuti”. Lo ha detto il presidente, Sergio Marchionne, rispondendo alla domanda di un azionista nel corso dell’assemblea dei soci in corso ad Amsterdam.

“Nel Regno Unito abbiamo un solo stabilimento, fuori Londra – ha spiegato Marchionne -. Prevedo implicazioni molto limitate dalla Brexit. Il danno sarà molto contenuto”.

Gli azionisti di Cnh Industrial hanno dato il via libera al bilancio 2016 e alla distribuzione di un dividendo di 0,11 euro per azione. L’assemblea, che è durata meno di due ore, ha confermato Sergio Marchionne e Richard Tobin, presidente e amministratore delegato.

Il dividendo sarà posto in pagamento il 2 maggio 2017. L’assemblea ha inoltre rieletto Mina Gerowin, Suzanne Heywood, Leo W. Houle, Peter Kalantzis, John Lanaway, Silke C. Scheiber, Guido Tabellini, Jacqueline A.

Tammenoms Bakker e Jacques Theurillat, quali amministratori non esecutivi.

Gli azionisti hanno poi autorizzato il consiglio di amministrazione a riacquistare un numero massimo di azioni ordinarie pari al 10% delle azioni ordinarie della società in circolazione alla data del 14 aprile 2017. Tale autorizzazione non comporterà alcun obbligo per la Società di procedere all’acquisto di azioni ordinarie proprie. In base all’autorizzazione assembleare gli acquisti potranno avvenire, per un periodo di diciotto mesi dalla data odierna, nel rispetto delle disposizioni normative e regolamentari vigenti e di soglie minime e massime di prezzo.

Gli azionisti hanno anche approvato la modifica del Directors’ Compensation Plan, prevedendo che il pagamento dei compensi agli amministratori non esecutivi avvenga solo in numerario, con conseguente aggiornamento della politica sulla remunerazione.

“Il primo trimestre è stato il più debole dell’anno, avevamo già detto all’inizio che sarebbe stato il più difficile, ma non tocca gli obiettivi per il 2017 e per il 2018”. Così l’ad di Fca, Sergio Marchionne, in una pausa dei lavori al Radisson Blu di Schiphol-Rijk, ad Amsterdam, dove si svolgono le assemblee di Cnh Industrial, Fca e Ferrari.

Commenti

Leggi anche

manchester

MANCHESTER. May, polizia conosce identità attentatore

May, polizia conosce identità attentatore. Ma a questo punto delle indagini non possiamo rivelarla Commenti

Unione Europea

BRUXELLES. Regioni a Stati Ue, “ascoltarci per una nuova politica cultura”

Le Regioni italiane guidano quelle di tutta Europa nel chiedere ai leader degli Stati Ue …