Liborio La Mattina

Nun Te Reggae Più di: Liborio La Mattina

Home / BLOG / IVREA. Toh guarda… Ecco che rispunta Renato Lavarini

IVREA. Toh guarda… Ecco che rispunta Renato Lavarini

Renato Lavarini
Renato Lavarini

E ti pareva… L’Amministrazione comunale ha di nuovo affidato a Renato Lavarini, 57 anni, massone, l’incarico di supporto per la gestione del progetto di candidatura di Ivrea “Città industriale del ventesimo secolo a patrimonio Unesco”.

Non si tratta di un omonimo. Lavarini è proprio quel Lavarini che aveva redatto il dossier poi presentato a Parigi, lo stesso che avrebbe anche dovuto occuparsi del piano gestione ma non lo ha fatto.

La polemica è nota e fa riferimento  a quei 60 mila euro scuciti senza alcun bando, dalla Fondazione Guelpa al “Consorzio per gli Insediamenti produttivi” che si scrive “Consorzio…” ma si legge “Alberta Pasquero”.

“Vogliamo sapere come mai si è pagata due volte la stessa cosa…” avevano chiesto le minoranza e parte della maggioranza ma, incredibilmente, si sta ancora aspettando una risposta.

Lavarini torna in servizio grazie  ad un bando, che si è chiuso il 13 febbraio, attraverso  cui il Comune si diceva alla ricerca di una figura professionale idonea ad accompagnare e organizzare il processo di verifica dell’Unesco. Di persone se ne sono presente cinque. Oltre a Renato Lavarini (punteggio ottenuto: 88), anche Antonio Scuderi (86), Sabino Maria Frassà (80), Sara Lyla Mantica (72), Bianca Maria Seardo (72).

L’incarico avrà una durata di sedici mesi e un compenso lordo di 20mila euro, compresi oneri fiscali, previdenziali e assicurativi.

Non c’è il due senza il tre, è presumibile pensare che di Lavarini sentiremo parlare ancora per un bel pezzo, almeno fino al 2018, anno di elezioni. Quest’anno, infatti, come già si sa, l’Italia si presenterà al tavolo dell’Unesco con la candidatura di Bergamo, che doveva già essere presentata lo scorso anno ma poi si è fatto un passo indietro.

C’è insomma tutto il tempo che occorre per spendere degli altri soldi, quelli che ancora non ci sono e, soprattutto quelli della Fondazione.

Di progetti ne frullano in testa un sacco. A breve termine si vorrebbe procedere alla rivitalizzazione del Maam e poi anche aprire un centro visitatori, in via Jervis… Ed è come se già li vedessimo frotte di turisti ad ammirare le architetture Olivettiane.

“Sorry where is museum…?”. “I dont’t know”.

Commenti

Leggi anche

Municipio ivrea

IVREA. Tra realtà e immaginario

Ormai in pieno contesto pasquale, persino coinvolgendo l’imminente festa religiosa, non può venir comunque meno, …

Della Pepa

IVREA. La piscina resta così com’è. Della Pepa cerca benefattori

Il prossimo anno si vota per il rinnovo del consiglio comunale. E questo già si …